Sistema Bates.it
SITO DI RIFERIMENTO PER LA VERA DIVULGAZIONE E LA CORRETTA PRATICA
DEL «SISTEMA ORIGINARIO» DEL DOTTOR WILLIAM HORATIO BATES PER
LA CURA DELLA VISTA CON METODI NATURALI
Fondato e diretto da Rishi Giovanni Gatti • 618 + 52 articoli pubblicati • 136 prodotti nel negozio • 11039 abbonati al notiziario

Testimonianze lunedì 9 Febbraio 2015

4×5=20=0 [-5.000 -1.500]

Circa una quindicina di anni fa, non sopportando piú le lenti a contatto, andai in un centro visivo di super-lusso in una grande città del Nord per farmi operare con il laser e annullare cosí la miopía di circa cinque diottríe che mi affliggeva da quando ero bambino.  Entrando nel portone, in cortile notai una splendida Porsche 911 nuova fiammante e quando vidi il medico che mi avrebbe operato con l’ultimo tipo di macchinario (PRK) gli chiesi se fosse la sua.  Lui mi rispose in modo affermativo e io mi complimentai con lui per la splendida carriera.  L’operazione andò benissimo e dopo un paio di settimane di sofferenza curata con antibiotici e collirii varii iniziai a vederci in modo fantastico ed ero stra-contento.  Passati dieci anni però qualcosa cominciò a non funzionare bene e dovetti iniziare a portare degli occhiali perché la miopía era ricomparsa, e anche le lenti a contatto con relativa protezione di occhiali da sole per quando andavo a sciare.  Con il tempo che passava e il mio difetto che continuava a peggiorare, ebbi l’opportunità di cercare su Internet informazioni riguardo a quanto mi stesse succedendo e capitai su un sito librario dove vendevano il libro “VISTA PERFETTA SENZA OCCHIALI”, che acquistai immediatamente, e dopo averlo letto iniziai a stare senza occhiali e a vedere che specialmente in buona luce potevo vederci di nuovo bene.  Dopo alcuni mesi tornai su Internet per cercare un “terapeuta Bates” che potesse aiutarmi e trovai l’indirizzo di una signora che si professava “educatrice visiva”.  Andai da lei e feci quattro lezioni alla modica cifra di € 50 a lezione, per un totale di € 200, (ma non mi lamento di questo, anzi, sono sempre felice quando uno mi dimostra che è capace di arricchirsi e fare soldi) e mi vennero spiegate alcune cose denominate “palming”, “sunning”, cordicelle, palline, eccetera, che però non capii e soprattutto non ritrovavo conformi a quanto avevo letto sul testo che avevo acquistato.  Rimasto un po’ deluso e non avendo avuto risultati degni di nota, lasciai perdere.

Tornai di nuovo a sfogliare il libro e mi accorsi di un avviso lì sopra stampato che diceva che l’Editore non era collegato a nessun “operatore Bates” o cose simili e che invitava le persone a studiare da sé il proprio caso partecipando eventualmente alle riunioni della Associazione Vista Perfetta, che a quanto mi pareva di aver capito è una specie di gruppo di mutuo-aiuto come gli “Alcolisti Anonimi”.  Un giorno quindi telefonai alla Segreteria per chiedere il permesso di partecipare a una riunione informale e riuscii a parlare con il Presidente che mi spiegò in pochi secondi la mia situazione con estrema correttezza, dicendomi che essendo io già stato operato, era come se mi avessero inciso una lente a contatto permanente sulla cornea che mi impediva di dimostrare i principii di Bates, dato che lui scrive che chi porta occhiali non ha beneficio dal suo trattamento.  Ciò non ostante, avrei comunque dovuto studiare questi metodi perché sarebbero stati l’unica possibilità per tamponare il mio difetto in continuo peggioramento, sapendo bene che dalla mattina alla sera il difetto sarebbe ricomparso perché appunto io portavo sempre gli occhiali virtuali da cinque diottríe che mi avevano “messo” con il laser.  Nel comprendere la mia situazione, oggi come oggi, non penso che mi sarei sottoposto lo stesso all’operazione e avrei dato sicuramente ragione a una mia parente che mi esortava a non farla, a soprassedere (ma allora non le diedi peso).  Cioè, tornassi indietro, NON lo rifarei.  Tanto è vero questo che un annetto fa ritornai da quel professionista che mi aveva operato inizialmente, quello della Porsche, e mi feci fare una visita al termine della quale mi venne proposto un “ritocchino” alla cifra modica di circa 1.500 euro in totale, ma io lasciai perdere già allora anche se non sapevo nulla del sistema del Bates.

Ora ho acquistato le tabelle di controllo ufficiali dal sito www.SistemaBates.it (©®) e conto di usarle giornalmente come scritto sulle istruzioni allegate e nel libro originale che sto già rileggendo e vedrò in séguito di iscrivermi e partecipare alle riunioni AVP per cercare di salvare il salvabile.

[Leopoldo, PC]

© SistemaBates.it, tutti i diritti riservati — Riproduzione vietata.