Sistema Bates.it
SITO DI RIFERIMENTO PER LA VERA DIVULGAZIONE E LA CORRETTA PRATICA
DEL «SISTEMA ORIGINARIO» DEL DOTTOR WILLIAM HORATIO BATES PER
LA CURA DELLA VISTA CON METODI NATURALI
Fondato e diretto da Rishi Giovanni Gatti • 618 + 52 articoli pubblicati • 136 prodotti nel negozio • 11039 abbonati al notiziario

Resoconto Eventi AVP

Svariate pratiche auto-gestite nella “due giorni” di Bassano del Grappa (con ben otto nuovi socii!)

La “due giorni” di studio della Associazione Vista Perfetta® svoltasi presso l’Istituto Scalabrini il 25 e il 26 luglio del 2015 ha visto la partecipazione di ben trentanove presenze (diconsi 39!) fra cui conteggiamo ben quattro nuovi socii e una re-iscrizione di una socia storica che non aveva piú rinnovato (e che ha dovuto ri-sottoscrivere da capo a prezzo pieno la sua adesione).   Avvisiamo tutti i lettori che dal prossimo anno chi avrà saltato uno o piú anni di iscrizione non potrà piú re-iscriversi .   Raccomandiamo quindi sin da ora tutti i socii a mantenere viva la loro adesione continuando a frequentare le riunioni e non mancando mai di inviare la loro quota associativa anno per anno (i 10 euro richieti per rimanere iscritti sono talmente minimi se paragonati a quanto si acquista che è proprio da stolti non rinnovare l’adesione!!!).

La particolare disposizione della sala rossa dell’Istituto ospitante ci ha fatto godere del bel tempo, con il sole che splendeva ampiamente grazie alla grade vetrata, e si è potuto fare pratica – per un periodo – con le tabelle senza utilizzare la luce elettrica.   In séguito il sole ha girato sull’ altro lato dell’ edificio e di conseguenza si è dovuto ricorrere all’ aiuto tecnologico per continuare la pratica con efficacia (proiettore luminoso con lampade a scarica).

Finalmente è stato distribuito ai socii il primo numero de “IL FALCO PER L’EDUCAZIONE ALLA VISTA PERFETTA” dell’ anno 2015, con una nota dell’ Editore che si è scusato per il forte ritardo dovuto a imprevisti e lungaggini verificatisi in fase di stampa.   In ogni caso, il nuovo numero nella rinnovata veste grafica e con l’allegato in stampa ultramicroscopica ad altissima definizione e inchiostro super nero a pigmentazione arricchita, ha riscosso immediatamente notevole successo, con alcuni abbonati che si sono messi súbito a leggerlo per poi commentare insieme i preziosi suggerimenti lasciati dal Dott. Bates, in particolare nell’ articolo LA VERITÀ SULLA FATICA.

Dopo la pausa pranzo, ci si è spostani nel giardino dell’ Istituto per continuare la pratica all’ aperto, con grande beneficio di tutti i presenti che hanno potuto esercitarsi anche con la Lente Solare del Dott. Bates, visto che il sole splendeva ampiamente.

Con piacere registriamo i buoni progressi di una giovane socia di dieci anni che aveva partecipato l’anno prima a un pomeriggio introduttivo a Milano:   in questa occasione la ragazza, accompagnata da sua mamma, è stata presente come socia effettiva AVP e ha potuto esercitarsi insieme agli altri per consolidare i dieci decimi conquistati davanti alla tabella di controllo.   Come sempre accade per tutti i nuovi socii, all’ inizio è facile ottenere risultati ottimi sebbene temporanei, con il tempo sarà invece piú impegnativo mantenere la determinazione e l’entusiasmo per arrivare alla guarigione vera e propria, quando cioè non sarà piú necessario dedicare molto tempo alla cura e alle tabelle.   Un antidoto a questo affievolimento fisiologico della determinazione nel trattamento è costituito proprio dalla partecipazione regolare alle attività della AVP!!!

Alle ore 17 la AVP ha svolto la sua consueta mini-presentazione per i visitatori non socii e tra la ventina di persone presenti segnaliamo e salutiamo la signora Luigina, ottantenne, che da circa un anno aveva perso la vista in un occhio per “maculopatia” e che da alcune settimane era stata interessata al Sistema Bates® Originario™ e al libro base del Dott. Bates “VISTA PERFETTA SENZA OCCHIALI”, con l’obiettivo di porre rimedio a una condizione che nessun medico oculista le ha mai saputo alleviare.   Molti complimenti a lei per l’intelligenza dimostrata e arrivederci a una successiva riunione quando la signora vorrà partecipare da socia AVP effettiva per debellare con successo il brutto male.

Tra gli altri presenti sin dal pomeriggio, perché già lettori e possessori del testo base batesiano, una famiglia di Verona ha manifestato la intenzione di iscriversi, cosa che poi effettivamente è accaduta seduta stante portando il numero di nuovi socii raccolti nella giornata a ben otto!   Il loro obiettivo era quello di debellare un accenno di miopía nella ragazzina di nove anni, nonché curare la presbiopía del papà e l’astenopía della mamma la quale soffre di strani disturbi visivi tra astigmatismo e strabismo e lieve miopía, non migliorati da occhiali correttivi.   Vedremo in futuro i beneficî raggiunti anche da costoro.

Durante la giornata di domenica le pratiche sono state differenziate in base alle singole esigenze dei socii piú esperti.   Per esempio, alcuni socii, per consolidare la loro guarigione della presbiopía, hanno preferito rimanere in sala rossa ed esercitarsi nella lettura del carattere diamante sotto la luce elettrica delle ottime lampade da tavolo PienaLuceLED da 9 watt.   Altri hanno approfittato del bel sole per continuare la loro pratica all’aperto, impiegando nuovamente la Lente Solare.   Altri ancóra si sono organizzati con varie tabelle di controllo per vicino e lontano nel cercare di esercitare la memoria di quanto visto al punto prossimo per migliorare la visione in lontananza.

Nel pomeriggio ci ha fatto visita, accompagnato da sua mamma, il presidente onorario Achille il quale, forte dei suoi sette anni compiuti e degli ottimi progressi fatti in meno di un anno di auto-trattamento, ha confermato la buona vista raggiunta leggendo 40/40 in luce diurna.   Un’altra socia storica di nome Lilli ha voluto lèggere ai presenti un articolo tratto dal presente sito, a firma del Presidente AVP, e intitolato “Esercitare la calma”, giacché ella era stata impressionata fortemente dal contenuto e voleva sapere dagli altri socii che cosa ne pensassero loro.   Ne è scaturito un dibattito che poi si è un po’ ingarbugliato andando a toccare aspetti organizzativi associativi per i quali la calma sarebbe una virtù da esercitare sempre, sebbene a volte ci sia mancata.   Con l’anno che viene, 2016, e il rinnovo degli organi sociali, si spera che il lavoro della AVP per la evangelizzazione presso il pubblico della lieta novella della vista perfetta senza occhiali secondo il Sistema Bates® Originario™ possa essere piú efficace e diffuso.

Arrivate le ore 17, si sono presentati alcuni altri visitatori, fra i quali segnaliamo una giovane donna di venticinque anni afflitta da una miopía seria di quasi nove diottríe.   La ragazza aveva letto alcuni libri non originali sul famigerato “Metodo Bates” ed era convinta di conoscere bene le varie “tecniche” ivi spiegate, per poi confessare di non averci capito mai un tubo, prova ne era il fatto che portava lenti a contatto e occhiali.   Ciò che però ha sorpreso tutti i presenti è stato che nell’ arco di circa mezz’ora la giovane ha potuto avere lampi di vista sempre migliore, continuati fino alla riga dei dieci/decimi, non ostante ella avesse,  appena entrata in sala, una vista cosí scarsa e disturbata da non potere vedere che la grande “C”, sfocata e distorta (una visione di 10/200, ovvero mezzo decimo).   Il beneficio è stato ottenuto passando “con metodo e regolarità” da una riga all’altra, lentamente, applicando come aiuto la memoria della lettera vista sulla riga precedente, piú in alto nella tabella.   Sfortunatamente, la bella ragazza di lì a pochi giorni avrebbe dovuto lasciare l’Italia per emigrare in Inghilterra per lavoro e giocoforza non avrebbe potuto continuare l’auto-trattamento, dovendo ricorrere di nuovo, sebbene soltanto se assolutamente necessario, all’ uso delle dannosissime lenti correttive.   Il fatto che però ella abbia acquistato il libro base del Dott. Bates “VISTA PERFETTA SENZA OCCHIALI” ci lascia ben sperare sulla possibilità di un ricupero, per quanto lento e faticoso e diluito nel tempo.   È proprio per ridurre i tempi della cura – e arrivare piú presto e con maggior sicurezza a dei veri risultati materiali – che abbiamo fondato la Associazione Vista Perfetta®, alla quale invitiamo a iscriversi tutti coloro che dovessero lèggere questo resoconto e si sentissero appena appena interessati alla salute dei proprio occhi e della mente che li comanda.

Il prossimo appuntamento presso l’istituto Scalabrini a Bassano del Grappa sarà per settembre, nei giorni di sabato 19 e domenica 20, sotto l’ègida organizzativa della signora Letizia, che fino a due anni fa aveva un occhio cieco e adesso ci vede sempre meglio.

 

La particolare disposizione della sala di studio ci consente di godere a volontà della ampia visuale sui monumento di Bassano del Grappa

La particolare disposizione della sala di studio ci consente di godere a volontà della ampia visuale sui palazzi architettonici di Bassano del Grappa.

 

Suggestiva inquadratura del Brenta

Suggestiva inquadratura del Brenta.

 

Momento di palmeggiamento collettivo.

Momento di palmeggiamento collettivo.

 

Per curare la vista difettosa è necessario esercitarsi alla luce del sole per avere presto i migliori risultati.

Per curare la vista difettosa è necessario esercitarsi alla luce del sole per avere presto i migliori risultati.

 

Nella cura della miopía è utile spostare lo sguardo a distanze diverse ricorrendo all’ aiuto della memoria.

Nella cura della miopía è utile spostare lo sguardo a distanze diverse ricorrendo all’ aiuto della memoria.

 

La socia Letizia si gode il trattamento con il sole applicato per mezzo della Lente Solare del Dott. Bates.

La socia Letizia si gode il trattamento con il sole applicato per mezzo della Lente Solare del Dott. Bates.

© SistemaBates.it, tutti i diritti riservati ??? Riproduzione vietata.